Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/themes/boeri2016/archive.php on line 3
olio extra vergine di oliva | Olio Boeri olio extra vergine di oliva – Olio Boeri

Shop Boeri


Warning: include(/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/themes/boeri2016/primary-sidebar.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/themes/boeri2016/archive.php on line 13

Warning: include(/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/themes/boeri2016/primary-sidebar.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/themes/boeri2016/archive.php on line 13

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/themes/boeri2016/primary-sidebar.php' for inclusion (include_path='/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/archive_tar:/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/console_getopt:/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/http_request2:/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/mail_mime:/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/mail_mime-decode:/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/net_url2:/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/pear-core-minimal/src:/web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/plugins/backwpup/vendor/pear/pear_exception:.:/php5.6/lib/php/') in /web/htdocs/www.olioboeri.com/home/wp-content/themes/boeri2016/archive.php on line 13

post taggato come ‘olio extra vergine di oliva’

Sapone all’olio di oliva fatto in casa

aprile 11th, 2018 | Ricette | 0 Commenti

Per fare il sapone si possono usare molte combinazioni di oli e grassi ma il più pregiato è da sempre l’olio di oliva che oltre per le sue eccezionali proprietà alimentari è conosciuto sin dall’antichità per le sue proprietà benefiche sulla pelle.

Ingredienti:

-1 kg Olio Extra Vergine di Oliva Boeri

-128 g soda caustica

-300g acqua 

E’ importante mentre si lavora il sapone indossare occhiali da lavoro e guanti protettivi.

Pesate l’olio extra vergine di oliva, l’acqua e la soda in tre diversi recipienti. Aggiungete lentamente la soda all’acqua e mescolate aspettando che diventi trasparente. Versate la soluzione direttamente nell’olio e frullate con il minipimer fino ad amalgamare il tutto. A questo punto trasferite l’emulsione nello stampo rivestito con corta forno,sbattete per togliere eventuali bolle d’aria e livelliate la superficie.

Dopo 20 minuti si può decorare il sapone a proprio piacimento magari aggiungendo qualche fogliolina d’ulivo.

Ricoprite lo stampo con della pellicola e con un panno. Lasciate riposare per circa 24 ore. Quando il sapone non emanerà più calore toglierlo dallo stampo e tagliarlo a pezzi.

Ora il sapone deve stagionare per almeno 40 giorni in un luogo asciutto.

Il risultato finale sarà un sapone pieno di principi attivi tipici dell’oliva che darà alla pelle nutrimento e morbidezza.

 

Analisi organolettica per l’Olio Extra Vergine di Oliva

febbraio 9th, 2018 | Curiosità | 0 Commenti

 

L’analisi organolettica per l’olio extra vergine di oliva è uno strumento analitico ufficiale utilizzato per la classificazione merceologica, che segue una specifica metodologia definita dal Consiglio Oleicolo Internazionale (C.O.I.) e adottata dalla Unione Europea. L’olio è contenuto nel tipico bicchiere colorato, per impedirne la vista ed evitare che il colore influenzi l’assaggiatore.L’analisi del campione avviene valutandone l’odore e il sapore: l’assaggio inizia con il prendere il bicchiere tra le mani, riscaldarlo e odorare il contenuto attraverso inspirazioni lente e intense, poi dopo aver distribuito in bocca una quantità sufficiente, si procede con la prova gustativa. Vengono effettuate aspirazioni corte e successive per distribuire il campione su tutto il cavo orale e per percepire per via retronasale i componenti volatili dell’olio. Le sensazioni positive (pregi) o negative (difetti) riscontrate da ciascun assaggiatore vengono annotate su un’apposita scheda.

Attributi negativi

Riscaldo Flavor caratteristico dell’olio ottenuto da olive ammassate che hanno sofferto un avanzato grado di fermentazione anaerobica.

Muffa-umidità Flavor caratteristico dell’olio ottenuto da olive nelle quali si sono sviluppati abbondanti funghi e lieviti per essere rimasti stoccati molti giorni in ambienti umidi.

Morchia Flavor caratteristico dell’olio rimasto in contatto con i fanghi di decantazione in depositi sotterranei e aerei.

Avvinato-Inacetito Flavor caratteristico di alcuni oli che ricorda quello del vino o dell’aceto. È dovuto fondamentalmente a un processo fermentativo delle olive che porta alla formazione di acido acetico, acetato di etile e etanolo.

Metallico Flavor che ricorda il metallo. È caratteristico dell’olio mantenuto a lungo in contatto con superfici metalliche, durante i procedimenti di macinatura, impastatura, pressione o stoccaggio.

Rancido Flavor degli oli che hanno subito un processo ossidativo.

 

Attributi positivi

Fruttato Insieme delle sensazioni olfattive caratteristiche dell’olio, dipendente dalla varietà delle olive, proveniente da frutti sani e freschi, verdi o maturi, percepite per via diretta o retronasale.

Amaro Sapore caratteristico dell’olio ottenuto da olive verdi o invaiate.

Piccante Sensazione tattile pungente caratteristica di oli prodotti all’inizio della campagna, principalmente da olive ancora verdi.

 

Altri attributi negativi

Cotto o stracotto Flavor caratteristico dell’olio dovuto ad eccessivo e/o prolungato riscaldamento durante l’ottenimento, specialmente durante la termoimpastatura, se avviene in condizioni termiche inadatte.

Fieno – legno Odore caratteristico di alcuni oli provenienti da olive secche.

Grossolano Sensazione orale-tattile densa e pastosa prodotta da alcuni oli.

Lubrificanti Flavor dell’olio che ricorda il gasolio, il grasso o l’olio minerale.

Acqua di vegetazione Flavor acquisito dall’olio a causa di un contatto prolungato con le acque di vegetazione.

Salamoia Flavor dell’olio ottenuto da olive conservate in salamoia.

Sparto Flavor dell’olio ottenuto da olive pressate in fiscoli nuovi di sparto. Il flavor può essere differente se il fiscolo è fatto con sparto verde o con sparto secco.

Terra Flavor dell’olio ottenuto da olive raccolte con terra o infangate e non lavate.

Verme Flavor dell’olio ottenuto da olive fortemente colpite da larve di mosca dell’olivo (Bactrocera oleae).

Cetriolo Flavor che si produce nell’olio durante un imbottigliamento ermetico eccessivamente prolungato, particolarmente in lattine, che è attribuito alla formazione di 2-6 nonadienale.

Modo di classificazione dell’olio

L’olio d’oliva è classificato sotto la denominazione:

. vergine extra: quando la mediana dei difetti è uguale a 0 e la mediana del fruttato è superiore a 0;

. vergine: quando la mediana dei difetti è superiore a 0 e inferiore o pari a 2,5 e la mediana del fruttato è superiore a 0;

vergine corrente: quando la mediana dei difetti è superiore a 2,5 e inferiore o pari a 6,0 o quando la mediana dei difetti è inferiore o pari a [2,5] e la mediana del fruttato è pari a 0;

vergine lampante: quando la mediana dei difetti è superiore a 6,0.

Brandacujun: Ricetta tradizionale Ligure

gennaio 25th, 2018 | Ricette | 0 Commenti

 

Il Brandacujun è un piatto tipico della Riviera di Ponente, viene preparato come antipasto a base di ingredienti tipici liguri: lo stoccafisso, o più raramente il baccalà e le patate lessate, il tutto condito con Olio Extravergine di Oliva Taggiasca. Una crema deliziosa che può essere accompagnata da pane tostato e perchè no, anche da un buon Vermentino DOC Ligure!

La ricetta tradizionale del Brandacujun

Ingredienti

1 kg di stoccafisso già ammollato
750 g di patate
Acqua fredda q.b.
Prezzemolo, un ciuffetto tritato
Aglio, uno spicchio tritato
Sale q.b.
Olio Extra Vergine di Oliva DOP
Pepe nero

 

Preparazione

Mettere in ammollo lo stoccafisso per almeno 48 ore in modo tale da dissalarlo completamente.
Tagliarlo a tranci di 2-3 centimetri e riporlo in un tegame abbastanza capiente.
Ricoprirlo di acqua fredda.
Salare leggermente e portare ad ebollizione.

Pelare e tagliare in pezzi le patate e aggiungerle al pesce non appena l’acqua bolle.
Lasciare in cottura a fiamma media per 30 minuti circa.
Scolare e lasciare intiepidire per poter rimuovere pelle e lische allo stoccafisso.

Con un mestolo di legno amalgamare il preparato aggiungendo un trito di prezzemolo, aglio e olio extravergine di oliva.
Aggiustare di sale. Coprire la pentola con un coperchio e fissare le due parti assicurandosi che rimangano ben salde l’una all’altra.

E qui il movimento tipico della preparazione di questo piatto, che ne suggerisce anche il nome: scuotere la pentola dall’alto al basso e in senso rotatorio per far amalgamare e insaporire bene tutti gli ingredienti. Non appena il composto assomiglierà ad una purea grossolana sarà pronto.

Servire tiepido con una macinata di pepe nero e Olio Extravergine di Oliva Taggiasca.

Le proposte di Boeri per il menù di Natale – Il secondo

dicembre 20th, 2017 | Ricette | 0 Commenti

 

Dopo il primo non può mancare Il secondo per eccellenza: Il cappone ripieno. Perfetto per il vostro pranzo di natale.
Importante una cottura lenta per rendere la carne morbida e deliziosa. Da non sottovalutare il ripieno che può essere personalizzato
a vostro piacimento! Buon appetito!
 

CAPPONE RIPIENO

 

Ingredienti per 6 persone

2 kg Cappone
20 g Olio Extra Vergine di Oliva DOP
50 g sedano
50 g carote
40 g scalogno
1 spicchio aglio
1 rametto rosmarino
100 g vino bianco
200 g brodo vegetale
Sale
Pepe nero q.b.

 

Per il ripieno

120 g prosciutto crudo
200 g vitello (macinato)
200 g maiale (macinato)
80 g anacardi
60 g grana padano grattugiato
1 rametto rosmarino
Sale
Pepe nero

 

Preparazione

Per preparare il cappone ripieno iniziate preparando il brodo vegetale, un trito di carote e sedano,
di scalogno, prosciutto tritato ed un rametto di rosmarino.

Cominciate con la preparazione del ripieno: in una ciotola molto capiente versate la carne trita di maiale,
il prosciutto tritato, poi la carne trita di manzo e il formaggio grattugiato. Aggiungete sale e pepe.
Insaporite con il rosmarino e cominciate ad amalgamare gli ingredienti impastandolo energicamente.
Unite ora anche gli anacardi e continuate ad impastare. Successivamente tenete temporaneamente il composto per il ripieno da parte.

Salate e pepate il cappone. Riempitelo con il ripieno che avete precedentemente ottenuto.
Legate il cappone per sigillare bene il ripieno all’interno. A questo punto versate l’Olio extra vergine di oliva
in una casseruola, dal fondo spesso e dai bordi alti: fate scaldare l’olio e adagiatevi il cappone, facendolo scottare su tutti
e due i lati a fuoco alto dopo di che sfumate con il vino lasciandolo evaporare.

Unite lo scalogno, le carote e il sedano. Insaporite con un rametto di rosmarino e l’aglio diviso a metà.
Versate il brodo vegetale. Coprite con coperchio e lasciate cuocere a fuoco molto basso per almeno 2 ore.
Alternativamente potete utilizzare uno spiedino da cucina: se punzecchiandone le carni osserverete uscire un liquido chiaro
il cappone sarà cotto, se il liquido è rosato allora il cappone necessita di prolungare la cottura.

 

Le proposte di Boeri per il menù di Natale – L’antipasto

dicembre 14th, 2017 | Curiosità, Ricette | 0 Commenti

 

Natale è alle porte ed ogni famiglia si domanda quale menu sceglieranno per il pranzo di natale.
Antipasti, primi, secondi e dolce. Noi famiglia Boeri vi daremo alcuni spunti. Iniziamo dall’antipasto:
 

VITELLO TONNATO

 
Ingredienti
800 gr magatello di vitello
1 cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
Un cucchiaino di aceto
1 cucchiaio di Olio Extra Vergine di Oliva DOP
Sale

 

Per la salsa
200 gr Filetti di tonno
8 cucchiai di Olio Extra Vergine di Oliva DOP
2 Filetti di acciughe sott’olio
2 cucchiai di capperi
2 tuorli sodi
Limone

 

Procedimento:
Legate il magatello con lo spago bianco da cucina e lessatelo in acqua calda salata
con carota, cipolla, sedano, un cucchiaio abbondante d’aceto e uno d’olio.

Cuocete a fuoco basso e coperto per circa 2 ore. Raffreddate la carne nel suo brodo.

Mettete nel mixer il tonno, i filetti d’acciuga, i capperi, i tuorli; diluite il composto
con alcuni cucchiai d’olio, un po’ del brodo di cottura e il succo del limone.

Slegate la carne, affettatela e ricopritela con la salsa.

Lasciate insaporire alcune ore prima di servire.

Orari di apertura Dicembre 2017

novembre 23rd, 2017 | News | 0 Commenti

 

Anche quest’anno si avvicina il natale… Il clima festivo che unisce le famiglie, che fa riflettere, condividere, donare…
se tra i tuoi doni sotto l’albero vuoi mettere qualche delizia Boeri noi siamo aperti e ti aspettiamo anche la domenica :
Venerdi’ 8 ,
Domenica 10  (fiera di Santa Lucia)
Domenica 17 e
Domenica 24
dalle 09:00 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 18:00

Se invece abiti lontano e vuoi che ti raggiungiamo .. Affrettati ad ordinare,
le consegne entro natale saranno garantite con spedizioni pervenute entro il venerdì 15.

Sardenaira – Ricetta ligure

novembre 16th, 2017 | Ricette | 0 Commenti

 

La Sardenaira nasce nel Ponente Ligure nella città di Sanremo. A causa del suo aspetto, spesso si scambia per una pizza ma, provate a dirlo ai veri cultori, sicuramente non ne saranno contenti. La Sardenaira di Sanremo è composta da una base di focaccia su cui viene stesa un abbondante strato di salsa di pomodoro rigorosamente crudo che deve essere cucinato con: Olio Extra Vergine di Olivaaglio, capperi, origano, olive taggiasche e filetti di acciughe.

 

INGREDIENTI

Per la pasta:

  • 300 g di farina 00
  • 200 ml di acqua tiepida
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 3 cucchiai di Olio Extra Vergine di Oliva Boeri
  • Un pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero

Per condire:

I Benefici dell’Olio Extra Vergine di Oliva

novembre 9th, 2017 | Curiosità | 0 Commenti

 

L’ Olio Extra Vergine di Oliva si sa che fin dai tempi antichi veniva utilizzato per preparazioni cosmetiche in grado di migliorare lo stato della pelle. Studi recenti sostengono che l’Olio Extra Vergine di Oliva non è solo idratante ed emoliente ma è un nostro alleato del benessere fisico. E’ considerato un farmaco naturale ed il più adatto per la nostra alimentazione.

 

È particolarmente ricco di acidi grassi monoinsaturi tra cui l’acido oleico, che riduce il livello di colesterolo (LDL), previene le lesioni arteriose, riduce il rischio di infarto e ictus. Inoltre questi acidi grassi monoinsaturi fanno si che l’olio non sia soggetto ad alterazioni soprattutto nelle cotture, infatti l’Olio Extra Vergine di Oliva può raggiunge anche temperature elevate (Es. fritture – massimo 210°).

Altra particolarità dell’Olio Extra Vergine di Oliva è la presenza di polifenoli sostanze naturali che aiutano il benessere del nostro corpo. I polifenoli infatti sono degli ottimi antiossidanti garantiscono una difesa contro la formazione e lo sviluppo di molti tipi di tumori (es. tumore al seno e colon) e combatte l’invecchiamento della pelle. In Italia ed in Grecia dove il consumo di grassi monoinsaturi e quindi di Olio Extra Vergine di Oliva, è più diffusa l’aspettativa di vita è più alta che nei paesi nordeuropei dove si consumano prevalentemente grassi saturi di origine animale.

L’elixir di bellezza è la Vitamina E, antiossidante presente nell’Olio Extra Vergine di Oliva che permette di contrastare i radicali liberi (possono danneggiare le cellule e contribuire allo sviluppo delle malattie cardiovascolari e del cancro). La vitamina E è anche un vasodilatatore, svolge attività:

  • Antitrombotica
  • Rinforza le pareti dei capillari
  • Aiuta il sistema immunitario, rafforzando le sue difese,
  • Aiuta la vista e la memoria.

 

VALORI NUTRIZIONALI

Secondo le analisi del Crea (Centro per la ricerca in agricoltura) la composizione chimica di 100 grammi di Olio Extra Vergine di Oliva è composta da:

  • Lipidi 99,9, di cui:
    Saturi 14,46 %
    Monoinsaturi 72,95 %
    Polinsaturi 7,52 %
  • Energia (kcal) 899
  • Ferro o,2 mg
  • Zinco (tracce)
  • Rame (tracce)
  • Selenio (tracce)
  • Vitamina E 22,4 mg
  • Vitamina A 36 microgrammi

Che la stagione olearia 2017/2018 abbia inizio!

ottobre 2nd, 2017 | News | 0 Commenti

 

E’ finalmente arrivato il momento tanto atteso: l’inizio della stagione olearia 2017/2018. La Famiglia Boeri vi aiuterà a trasformare le vostre olive nell’“olio verde”, elisir di benessere e componente importantissimo della dieta Mediterranea.

Come avviene l’estrazione dell’olio?

Frangitura: Frangere vuol dire letteralmente rompere: in questa fase infatti la polpa e i noccioli delle olive vengono lacerati a fondo attraverso le molazze (l’antica macina dalle ruote di pietra).

Gramolatura: Consiste in un continuo e prolungato rimescolamento della pasta di olive proveniente dalla frangitura (o molazzatura). Ciò favorisce l’unione delle goccioline d’olio in gocce sempre più grandi, tali che queste si separino più facilmente dalla parte solida nella fase seguente.

Spremitura: Una volta pronta la pasta di olive si procede alla fase dell’estrazione vera e propria, che porta alla separazione delle tre componenti: olio, acqua e sansa. Separazione olio/acqua di vegetazione.

Infine si otterà un olio verde intenso, appena velato con un profumo delicato ed avvolgente. Le papille gustative ringrazieranno sicuramente!